“Tuo fratello”

Parte 2 di “Nun me ricordo che vor dì essere umano”

Sabato, 00.59

“Che c’hai Fè?”
“Che c’ho? E che ce devo avè?”
“Nun me prenne per il culo Fé! Ce conosciamo da dieci anni, ce sta quarche problema?”
“Eh Nì, il solito! Ce sta mamma che me porta a casa sta gentaglia. Nun me piace studià, ma nun ce sta ‘n cazzo da fa e me tocca venì a scuola lo stesso. Che te devo dì?”
“Nun me devi dì niente fra! Famme solo sta tranquillo che se ce so problemi me fai sapè, eh?”
“Certo Nì! Promesso”

Nico e Fede si conoscevano fin da bambini. Stavano nella stessa scuola del Polacco in via del Tempio. Fede s’era trasferito lì vicino con la mamma a casa dei nonni, dopo che il papà se n’era andato coll’altra. Con Nico passava le giornate intere! A giocare a Fifa con la play, picchiarsi se uno dei due faceva uno sgarro e tifare la Roma ogni domenica pomeriggio. Ma Nico aveva un anno in più, dalle elementari uscì un anno prima e per giunta si trasferì con la famiglia dall’altra parte di Roma. Si ritrovarono anni dopo perché Fede si trasferì con la mamma non troppo distante da Nico. Facevano lo stesso liceo ma avevano vite estremamente diverse. Nico l’anno dopo se ne sarebbe andato a studiare a Milano, Fede non sapeva manco se avrebbe superato il quarto anno.

“Vabbè, Fè! Ce semo”
“Ce semo, ce semo”
“Beh? Nun scenni?”
“No, sì… Vabbè, vado Nì!”
“Tutto a posto sì?”
“Tutto a posto Nì”
“Seh vabbè! Buonanotte allora”
“Buonanotte Fra!”

Sabato, 02.38

“Pronto?”
“Ao Mà! Che dici?”
“Ao Fè! C’hanno cacciati Amò”
“Sì, m’ha detto Nico. Tutto a posto?”
“Seh dai, sto sotto casa! Te? Tua mamma?”
“Il solito! Ce sta uno”
“Uno tipo?”
“Eh boh, nun ce parlo tanto co mamma”
“Ah, vabbè…”
“E senti, che v’hanno chiamato gli sbirri?”
“Nono, ‘na vecchia rompicoglioni! Je stava a minaccià de chiamà i genitori a Nico, che già c’hanno problemi de lavoro”
“La vecchia che sta di fronte?”
“Eh, la vecchia che sta di fronte!”
“E quindi alla fine v’ha cacciato lui?”
“Eh, diciamo… Je stava pe lancià ‘na bottiglia alla vecchia! Ce siamo messe io e Giù insieme pe fermarlo e convincerlo a spegne tutto e mandà ‘a gente a casa”
“Ah ‘nfatti nun me pareva tanto sereno quando m’ha scritto”
“Eh, sereno ‘na cifra! Vabbè amò, te devo lascià che ce stanno i miei che dormono a casa. Ce sentiamo domani eh?”
“Okay Mà! A domani allora. Buonanotte”
“Buonanotte Fé, te vojo bene!”

Marghe stava poche centinaia di metri distante da Nico in un appartamento condominiale, con la madre, che le aveva fatto già sei chiamate, il padre ed il fratello maggiore. Prima di raggiungere il portone, attraversò un breve vialetto ciottolato su cui battevano forte i tacchi. Per non disturbare tutti e non svegliare i suoi, si tolse le scarpe per fare le scale. Stava al sesto piano e non c’era l’ascensore. Ci mise un po’, far le scale mezza presa dall’alcol non era mica facile. Fece per mettere la chiave nella toppa che la porta le si aprì davanti.

“Ao, che ci fai sveglia ma’?”
“Te il telefono ce l’hai pe collezione?”
“Sta ‘a batteria a terra ma’, guà! Che c’è?”
“Tuo fratello”
“Mio fratello che?”

Marghe mise piede in casa. Si guardava la mamma tutto il tempo, spaventata. Suo fratello che? Finché girando lo sguardo per casa non lo vide sul divano con suo padre accanto.

“Cazzo Frà, che t’hanno fatto?”

Marghe lasciò scarpe e borsa a terra per gettarsi sul fratello. Gli sanguinava il naso, aveva un occhio gonfio ed il labbro pesto. Quel foulard appeso al collo, giallo con i fiori, che a Francesco gliel’aveva regalato Marghe, stava zeppo di sangue. E Frà piangeva, come un bimbo che s’è preso le strigliate della mamma.

“L’hanno accerchiato, sti burini der cazzo” le rispose il padre.
“Ma dove Frà? Ma stavi solo?”
“No Mà, stavo co Claudio! Je l’hanno date pure a lui”
“Sti fasci del cazzo, dobbiamo denuncià!”
“Denuncià a chi? A sti du’ cojoni? Se magari la smettessi pure te de vestirte come ‘na ragazza”
“Ao pa’, nun te ce mette pure te! Nun me stai a confortà così”
“Me preoccupo Frà, prima de inizià a vestirte così nun succedevano ste cose”
“Nun me frega ‘n cazzo pa’, mo levate pure te”

Frà s’alzò dal divano passando davanti a Marghe e schivando pure la madre. Entrambe gli diedero appresso ma Marghe passò prima, intanto però Frà s’era già chiuso in camera.

“Cazzo Frà, me fai entrà? Che ce fai tutto solo, che te dobbiamo pure medicà”
“Nun me rompete, vojo stà solo”
“Frà… Sono mamma! Fam…”
“Levateve e basta! Ce stà domani pe parlà”

Marghe si strinse alla mamma, che non stava affatto tranquilla, ma era decisa a rassegnarsi per la scelta di Francesco. Nel frattempo, il padre, non contento e col rimorso, sbuffava nel soggiorno. La mamma lo raggiunse poco dopo e Marghe, ancora brilla, decise di chiudersi in bagno per chiamare Fede.