“Ohi Fè, guà che ce stanno ‘e stelle!”

Parte 1 di “Nun me ricordo che vor dì essere umano”

Sabato, 00.13

“Nun me ricordo che vor dì essere umano” 
“Ma che dici amò?” 
“Nono, proprio nun ce sto co’a testa”
“Sì, me so accorta! Ma Fè, c’hai 17 anni e stamo ad una festa, balla un po’ co me”
“Scusa Marghe, ma sto per sbrattà”

Federico stava un po’ così. Mezzo relitto, disperso un po’ nel mare dei cazzi amari. Con la mamma che faceva la puttana per pagare da mangiare ed il papà a far la bella vita al centro di Milano. Non stava proprio bene Federico! E sbrattare ad una festa, insieme a Marghe ed altri amici, litri d’alcol, un tiro d’erba e ‘na scopata, non è che lo facesse stare meglio!

“Ao Marghe, me sa che me so sbrattato fuori pure i sentimenti stavolta” 
“Cazzo Fé, m’hai sbrattato su ‘e scarpe! Se nun te stai zitto i sentimenti te li faccio smette de provà pe sempre”

Marghe mica diceva sul serio. Federico le sbrattava sulle scarpe almeno almeno tre volte al mese. Anche quattro! E le minacce poi passavano.

“Fallo Marghe, ammazzame i sensi, tanto mo è come che stanno sottovuoto” 
“Cazzo dici Fé, te pijo a schiaffi che te lascio i segni sulle guance pe tre mesi”

“Marghe cazzo c’ha Fede?”
“Ohi Fè, guà che ce stanno ‘e stelle! Te ripiji? Oh, Fè? Giù, damme na mano, questo se sta a fa ‘n sonnellino”

Già, un altro sonnellino. Federico stava un po’ così! Buttava giù i suoi cocktail, si fumava mezza canna, stava un po’ a ballare e dopo aver sbrattato pure l’anima se ne stava là, svenuto a terra,   con le gambe sopra il vomito e Margherita che cercava di non farlo soffocare. Stava già a sognare, Fede, quando Giulia gli passava una salvietta sulla fronte e Marghe provava a togliergli i vestiti zozzi e luridi di dosso. Stava già a sognà d’esse co’a mamma, là a Trastevere, dove viveva con la nonna finché aveva 12 anni. Nel frattempo, l’avevano steso nel letto di Nicola, che tanto stava al bagno con la tipa e chissà se c’usciva tutto intero prima del mattino.

Sabato, 00.37

“Nono, nun me piace sto letto, portateme a casa” 
“Fè nun se po. Manco stai in piedi” 
“Ma che ce sto a fa qua?”

Mentre stava a lamentarsi, Fede, ancora poco sveglio, si sbrigliava e rotolava sopra il letto, mentre Marghe e Giulia si sforzavano per convincerlo a stare fermo. Intanto la festa mica s’era fermata! Strano pure che i vicini non avessero chiamato ancora la polizia, con la musica che batteva forte da due ore a mezzanotte. Con il giro d’erba che ci stava poi, Nico non l’avrebbe presa bene se gli sbirri si facevano un giro per la casa.

“Marghe famme annà, mo che è sta voglia de vedemme mezzo nudo nel letto di Nico?” 
“Amo nun sai quanto sei bono ma con sta bocca de vomito mejo se me bacio Giulia”
“Sese zozza, chissà perché m’hai spogliato e buttato in mezzo al letto” 
“Stavi a fa er bagno in mezzo ar vomito, cojone! Poi nun vedi che ce sta pure Giulia accanto a te?”
“Ah, ciao Giù! Che dici?” 
“Ciao Fè, ‘n cazzo! C’hai sta puzza de sbratto che nun me fai pensà ad artro”
“Cazzo Giù, scusame! Me faccio perdonà, giuro” 
“Tranqui Fè, ‘n artra vorta”
“Ao Marghe, damme un bicchiere d’acqua”

Mentre Marghe s’alzava, Nico usciva dal bagno con la tipa.

“Nico, ci sta Fede nel tuo letto! Sta di merda” 
“Cazzo Marghe, che je preso?”
“Eh, non so! Ultimamente je sta a prenne così! Lo sai che a casa mica stanno tanto bene” 
“E che vuoi lasciarlo qua?”
“Eh, Nì! Che lo porto in braccio a casa sua?”
“No vabbè, nun ve faccio mica annà a piedi co sto freddo e Fede appresso, c’ho a macchina de mi padre”
“Embè Nì? Che la guidi te? Nun c’hai manco er foglio rosa!”
“Ao Marghe, vedi che so sei mesi che prenno a macchina senza problemi”
“Vabbé Nico, fa come te pare! Fede vuole l’acqua, gliela vado a prenne, tu daje qualcosa da mettersi, che sta mezzo nudo e la sua roba sta fradicia” 
“Ah sì, l’acqua sta in dispensa Marghe!”

La dispensa stava al piano di sotto. Marghe prese l’acqua al buio, quando sentì dei passi alle sue spalle. 

“Ao Marghe”
“Gio, cazzo ci fai qua!? Vedi di levarte de torno” 
“Marghe te sto ad aspettà da tre mesi, famme parlà” 
“C’ho da fa, mo non posso” 
“E daje Mà, mi manchi”
“Levate!” 
“Marghe, cazzo”

Marghe prese l’acqua e tornò su. Da Nico c’era il mondo! Dal quarto al quinto, pure qualcuno del terzo anno, invitati ed imbucati al diciottesimo di Nicola. Fede si stava vestendo, quando Marghe gli portò l’acqua. Si reggeva, barcollante, ma almeno stava in piedi e non c’era bisogno di trascinarlo fino alla macchina. Marghe gli si avvicinò e gli diede l’acqua.

“Grazie Mà!” 
“Nulla Fè! Copriti che fa freddo”
“Che è, adesso non vedi l’ora me ne vada?” 
“Ma che dici Fè! Hai insistito te e Nico non sa dove metterti” 
“Nono, te sei rotta de badare a me e me stai a caccià” 
“Te strappo ste labbra se nun te stai zitto mo”
“Sese, tanto te sei offesa perché t’ho rifiutato prima, in camera de Nico” 
“Ma te stai fuori Fè” 
“Se, l’ho letto nel tuo diario segreto”
“Ah! Il mio diario? Che c’abbiamo 12 anni?” 
“No, ma forse 9!” 
“Scusa? M’hai rubato il diario a 9 anni?” 
“Sì! E ce stava scritto che sbavavi forte pe me” 
“Pe Federico!? Quello dei Borghi!?” 
“Dei Borghi? Ma se stavo a Trastevere!”
“Eh, ‘nfatti! Nun ce la fai eh?” 
“Scusa nun parlavi de me in quel diario?”
“No Fè, perdoname! Sei bono, t’ho detto già, ma sei come mio fratello. E Fede Castelletti tanta roba” 
“Ah! Vabbè, che me ‘mporta… Sto Castelletti poi!”

Federico aveva gli occhi castani e l’aspetto scompigliato. Forse era bello ma stava sempre a conciarsi male e gl’importava poco di piacere alle ragazze. Poi tra Fede lui e Castelletti pare di fare il paragone tra il Colosseo e San Pietro. Mica gl’importava a Fede di mettersi in camicia per andare ad una festa, tagliarsi i capelli ogni due settimane e sbiancare i denti sei volte l’anno. Comunque ci stava il gruppetto di ragazze che gli giravano attorno, ma Fede c’aveva altro da pensare, tipo sperare che rientrando a casa non beccasse un altro cliente della mamma o che il babbo non si dimenticasse un’altra volta il suo compleanno.

“Marghe che me dai n’occhiata a casa mentre l’accompagno?”
“Certo Nì, ce pensiamo io e Giù. Tu Fè scrivime se ci stanno problemi a casa”
“Marghe c’ho già ‘na mamma, nun è che se nun frega ‘n cazzo a lei deve ‘mportà qualcosa a te”
“Sì ma a me me ‘mporta de te, artro che tu mamma” 
“Vabbè, grazie Mà! Te scrivo”
“A dopo Marghe! Su Fè, movete”
“Ao Nì, leva ste mani, che me reggo da solo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...